Ultrasuonoterapia per la tendinite: il rimedio che fa per te

Uno dei principali nemici di una vita in movimento? L’infiammazione, proprio come quella innescata dalla tendinite. Ma, per poter continuare a condurre una quotidianità ricca e attiva, come possiamo contrastare questo fastidioso problema? L’ultrasuonoterapia per la tendinite è un rimedio efficace e non invasivo.

 

2A Group ti offre le informazioni che ti occorrono su questa patologia infiammatoria a carico dei tendini, oltre che sulle migliori cure oggi disponibili. Scopri tutto ciò che c’è da sapere leggendo il nostro articolo.

 

Cos’è la tendinite

Donna si tocca la spalla dolorante

Per capire il perché dell’efficacia dell’ultrasuonoterapia per la tendinite bisogna prima di tutto conoscere le caratteristiche di questa patologia. In cosa consiste?

 

La tendinite è¹ un processo infiammatorio che coinvolge i tendini, ovvero delle strutture in tessuto connettivo che uniscono muscoli e ossa.

 

A causa delle continue sollecitazioni o in seguito a un trauma, le fibre di cui i tendini sono composti possono danneggiarsi: ciò comporta l’insorgere della tendinite. Il processo infiammatorio coinvolge alcune parti del corpo con particolare frequenza: si parla per lo più di ginocchia, spalle e gomiti; tuttavia può colpire altre zone, per esempio le mani, i polsi o le caviglie.

 

Cosa sono i tendini?

 

Vediamo ora più da vicino cosa sono i tendini. Si tratta, come abbiamo visto, di strutture fibrose che hanno la funzione di legare i muscoli alle ossa o altre strutture di inserzione². Nel nostro corpo troviamo vari tipi di tendini differenti, molto diversi tra loro per forma, lunghezza, vascolarizzazione e rivestimento sinoviale.

 

I tendini sono composti principalmente da collagene, molto resistente, e da elastina che, come il suo stesso nome ci suggerisce, è particolarmente elastica. In questo modo il tendine trasmette la forza esercitata dai muscoli alle ossa.

 

Tendinite: cause e fattori di rischio

Uomo si tocca il ginocchio a causa di un dolore

Il deterioramento dei tendini e la loro conseguente infiammazione possono essere provocati in vari modi. Come per molte altre patologie di questo genere, tra le cause c’è l’invecchiamento. Ma la tendinite può innescarsi anche in seguito a un unico grosso trauma o microtraumi ripetuti.

 

In generale, questa patologia può insorgere come conseguenza di tutto ciò che sollecita o affatica eccessivamente i tendini, come:

  • sforzi eccessivi;
  • sovrappeso;
  • posture errate;
  • pratiche sportive a carico delle articolazioni (per esempio tennis, danza, pallacanestro o calcio);
  • suonare strumenti a corda o pianoforte;
  • vita sedentaria.

A quanto elencato si aggiungono alcune condizioni congenite, come il ginocchio valgo o i piedi piatti.

 

Vi sono inoltre alcuni fattori che aumentano il rischio di tendinite. Tra queste, vi sono alcune particolari terapie mediche, come le cure con antibiotici a base di chinoloni o le frequenti infiltrazioni di corticosteroidi. Infine, chi soffre già di artrite reumatoide, diabete, gotta o ipercolesterolemia ha maggiori probabilità di soffrire di tendinite.

 

I sintomi della tendinite

Uomo si tocca il gomito dolorante

Ogni disturbo può essere trattato con maggiore facilità riconoscendone i sintomi per tempo. Lo stesso vale per le tendiniti, che si manifestano con alcuni campanelli d’allarme che non dobbiamo lasciarci sfuggire. I principali sintomi di questa patologia sono quelli tipici del processo infiammatorio, ovvero dolore, tumefazione e gonfiore; la loro entità varierà a seconda del progresso della tendinite.

 

Si può inoltre osservare una diminuzione della forza nei muscoli che si legano ai tendini interessati dalla patologia. Allo stesso modo, saranno limitati i movimenti dell’articolazione coinvolta. Infiammazione, debolezza e rigidità saranno sempre localizzati nell’area in cui il tendine danneggiato si trova. Di solito, la tendinite interessa:

  • la spalla (tendinite della cuffia dei rotatori);
  • il gomito (gomito del tennista);
  • l’anca (tendinite del medio gluteo o del muscolo piriforme);
  • il ginocchio (tendinite rotulea, tendinite del quadricipite o tendinite del popliteo);
  • la caviglia (tendinite di Achille);
  • braccia, polsi, mani, talloni o piedi.

 

Se hai notato i sintomi appena descritti in una delle articolazioni elencate, rivolgiti al tuo medico e chiedi informazioni sull’uso dell’ultrasuonoterapia per la tendinite.

 

Come prevenire la tendinite?

Donna si tocca la mano dolorante

Seguendo alcuni accorgimenti, è possibile prevenire efficacemente la tendinite. Prestando attenzione al modo in cui svolgi le tue attività e aiutandoti con esercizi appositi, il rischio di sviluppare questo disturbo si ridurrà notevolmente.

 

In primo luogo, si consiglia di evitare le attività che sollecitino eccessivamente i tendini, specialmente se vengono svolte per periodi prolungati³. Quando si prova dolore durante lo svolgimento di un esercizio, è sempre meglio fermarsi e riposare.

 

Per evitare l’affaticamento del tendine è una buona idea eseguire allenamenti incrociati, per esempio combinando un esercizio a forte impatto, come la corsa, con uno dall’impatto minore, come il nuoto. Nello sport, così come nella musica, è sempre bene prestare grande attenzione alla tecnica, così da ridurre l’esposizione a problemi ai tendini.

 

Tratta con cura i tuoi tendini: non iniziare un esercizio a freddo e fai stretching una volta terminato il tuo allenamento. In questo modo il rischio di traumi e microtraumi ai tessuti può essere ridotto.

 

Infine, presta sempre attenzione all’ergonomia, così da non affaticare inutilmente articolazioni e tendini.

 

Come diagnosticare la tendinite

 

Se, nonostante gli accorgimenti, si sono manifestati i sintomi che abbiamo descritto in precedenza, è opportuno prenotare tempestivamente un appuntamento dal medico per diagnosticare la tendinite quando è ancora nelle fasi iniziali.

 

In molti casi, è sufficiente una visita medica per localizzare la posizione del tendine infiammato. Tuttavia, in molte altre situazioni occorre anche eseguire indagini strumentali: si parla quindi di ecografia e risonanza magnetica.

 

I trattamenti per la tendinite

 

Una volta ottenuta la diagnosi da parte del medico, si passa al percorso terapeutico più adatto a seconda delle esigenze del caso. In una fase iniziale, si può optare per rimedi piuttosto basilari: stare a riposo, mettere del ghiaccio sulla parte interessata e assumere analgesici per il dolore⁴.

 

In casi più gravi si possono imboccare percorsi terapeutici più impegnativi. In particolare, si utilizzano il laser, le onde d’urto e gli ultrasuoni per la tendinite. Si opta spesso anche per un trattamento fisiokinesiterapico.

 

Se il paziente manifesta dolori tanto intensi da impedire l’utilizzo dell’articolazione interessata, si possono eseguire anche delle infiltrazioni con cortisone. Tuttavia, i corticosteroidi hanno potenzialmente un effetto negativo sui tendini.

 

L’ultrasuonoterapia per la tendinite

Dispositivo di ultrasuonoterapia Dolcontrol

Come abbiamo visto, gli ultrasuoni sono una terapia molto indicata per la tendinite. Vengono impiegati spesso per il trattamento della tendinite alla spalla⁵, ma non solo. Questo particolare percorso terapeutico risulta particolarmente adatto per via della sua capacità di ridurre le infiammazioni, ma anche di favorire il recupero.

 

L’ultrasuonoterapia è una tecnica strumentale molto usata negli ambiti della fisioterapia e della riabilitazione: questo per via della sua scarsa invasività e dei pochi effetti collaterali. Gli ultrasuoni, penetrando all’interno dei tessuti, eseguono una specie di massaggio in profondità, migliorando il linfodrenaggio e la vascolarizzazione. Ciò velocizza la guarigione dei tessuti, riduce il dolore, favorisce il rilassamento e lenisce l’infiammazione: un rimedio perfetto per chi soffre di tendinite.

 

2A Group propone ai suoi clienti una soluzione perfetta per chi desidera effettuare l’ultrasuonoterapia per la tendinite a domicilio: si tratta di Dolcontrol, un dispositivo elettromedicale sicuro, confortevole e di facile utilizzo. In questo modo potrai eseguire le tue sessioni di cura a casa tua e recuperare più velocemente la funzionalità.

 

Ritorna alle tue attività preferite

 

Con Dolcontrol, potrai fare le tue sedute di ultrasuonoterapia per la tendinite con il massimo comfort. Liberarsi dal dolore e dall’infiammazione per tornare alle attività che più ami sarà semplice: richiedi informazioni al tuo medico e scopri se la terapia con ultrasuoni è adatta al tuo caso.

 

Fonti:

  1. https://www.issalute.it/index.php/la-salute-dalla-a-alla-z-menu/t/tendinite
  2. https://www.my-personaltrainer.it/tendini.htm
  3. https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/tendinitis/symptoms-causes/syc-20378243
  4. https://www.materdomini.it/malattie/tendinite/
  5. https://www.nejm.org/doi/10.1056/NEJM199905203402002?url_ver=Z39.88-2003&rfr_id=ori:rid:crossref.org&rfr_dat=cr_pub%20%200www.ncbi.nlm.nih.gov